Anime ‘Tascabili’

Category: Anime Comments: No Commenti

Pupipo,Pupa e Oneeechan ga Kita anime sub ita
Share Button

Sempre più indaffarati dai vari impegni di ogni giorno, e con sempre meno tempo da dedicare alle vostre passione ecco che ci vengono in aiuto con la loro sinteticità: Pupa, Oneechan ga Kita e Pupipo.

Partiamo subito da Pupa, anime che aveva già pronta una schiera di fan pronti a vedere la prima apparizione di quest’anime horror/splatter incentrato sulla storia di un fratello e una sorella,Utsutsu e Yume Hasegawa, in cui la sorella attraverso il contatto con una farfalla rossa è trasformata in un demone mangia uomini. La trama sembrava buona e anche l’opening annunciavano un anime davvero carino, se tutto non si fosse perso per la qualità delle animazioni e per la durata degli episodi di quattro minuti di cui ben uno è utilizzato per la sigla. Credo che tre minuti siano davvero pochi per il genere e per quello che anticipava. E a causa di questi due fattori si può considerare un flop di questa stagione invernale visto il poco successo che sta riscontrando.

Passiamo ora invece a Oneeechan ga Kita,anime di genere commedia/ecchi, che racconta la storia di Tomoya Mizuhara e  della sua sorellastra Ichika, ossessionata dal suo nuovo fratello minore in un modo tale da rendere difficile la vita di tutti i giorni di Tomoya.Le animazioni sono davvero molto semplici e come durata siamo nei tre minuti per episodi, la cosa non è un problema visto il tema trattato.

Per ultimo ‘Pupipo’, la storia s’incentra su Wakaba Himeji, una bambina della quinta elementare che ha la capacità di vedere gli spiriti maligni che tormentano la gente, e a causa dei suoi poteri vive una vita solitaria fino a quando non incontra un esserino tutto rosa ‘Po-chan’ che la difenderà dagli spiriti maligni e da li inizierà a crearsi delle amicizie. L’anime dura quattro minuti a episodio, ma proprio come Oneechan ga kita grazie al tema trattato, horror/commedia, non da alcun fastidio la poca durata degli episodi e lo rende un buon passatempo quando non si sa che guardare.